Registrati gratuitamente

Per leggere il provvedimento integrale e scaricare il PDF è necessario essere registrati.
Clicca qui per registrarti
o Clicca qui per fare il login


Tribunale di Milano, sentenza n. 1590 del 23.02.2022 - Est. De' Costanzo


Va valutato ai sensi del 116 cpc e in sede di liquidazione delle spese di lite il comportamento della parte che si rifiuta di entrare in mediazione senza alcuna motivazione

Massima: Si ritiene che alla mancata partecipazione possa essere equiparata anche l'ipotesi in cui le parti partecipino al primo incontro, ma una o entrambe si rifiutino senza alcuna motivazione di entrare in mediazione, determinando un adempimento solo formale e per così dire, svuotato di contenuto, dell' obbligo sancito dall' art. 5 del D.Lgs. n. 28/2010. A. luce di tale orientamento e, fermo il principio che nessuno può essere costretto a conciliare né a mediare, resta ferma convinzione di questo giudice che il comportamento palesemente preconcetto ed ostativo, che causi o protragga un processo, altrimenti evitabile, dev' essere sanzionato. Pertanto si ritiene di dover condannare l'ente ai sensi dell' art. 116, 2 comma c.p.c., al versamento in favore dell' Erario della somma pari ad 237, 00, valutando altresì il comportamento generalmente tenuto, non solo in sede di mediazione, anche in sede di liquidazione delle spese di soccombenza.